#001 – #TorredellaScafa o #TorreQuartaRegia

Torre Quarta Regia o Torre della Scafa

La torre, si trova all’ingresso di Cagliari nell’omonima località di Sa Scafa. alla porte di Cagliari, facilmente raggiungibile dal centro abitato.

La torre costiera sorge in una posizione strategica, in quanto presidiava lo stagno di Santa Gilla e il Golfo di Cagliari ed è costituito da due ambienti distinti.

La prima costruzione risale all’epoca aragonese e faceva parte del complesso delle torri costiere edificate a difesa dell’isola dalle incursioni barbariche.

Successivamente la torre è stata ampliata, raggiungendo un’altezza complessiva di 8 metri, con un diametro di 4,50 metri.

Successivamente venne costruito un altro ambiente adiacente, a pianta rettangolare di circa 50 metri quadri di forma rettangolare, che proteggeva l’ingresso alla torre e per aumentare lo spazio a disposizione della guardianìa che piantonava l’accesso alla laguna.

Durante il periodo spagnolo fino al 1954 vi si riscuoteva ai pescatori dello stagno, di versare una tassa la quarta parte del pescato alle casse regie (da qui il nome Quarta Regia) e successivamente una tassa in denaro.

È stata restaurata da parte della Regione della Sardegna (che possiede la proprietà) con i lavori completati nel 2017

Comune: Cagliari

Torre n°: #001

Via degli Angeli

tappa:  A001

Tipologia: Torrezillas 

Hastag del #Cammino100Torri

condividi le tue foto con l’hastag dell’associazione:

#Cammino100Torri

#QuartaRegia

#TorreSaScafa

PRONTI A PARTIRE

MANCANO POCHI PASSI

prenota ora il tuo posto nella carovana

di #aroundsardinia2019

PRONTI A PARTIRE? scegli la via
assicurazione + tessera

scegli ala via e prenota il tratto del #cammino100torri che vuoi fare assieme alla carovana.

tutte le info le troverai sull’opuscolo che ti abbiamo inviato

PARTNER FREE-BACK

1 anno fa
Un anno fa, 1284 km e passa.
Il 24 di febbraio del 2018 iniziammo #aroundsardinia2018
E lo stesso giorno iniziò la mia avventura con un oggetto assai strano il Free-Back.

Dopo la via Francigena fatta a gennaio, contattai la ditta per provare il Free-Back durante il giro della Sardegna.

Era metà gennaio e dopo una Francigena assai complicata per logistica ma soprattutto per trasporto di carico in eccesso (non mio…. ), arrivò questo strano oggetto, da lì a poco anche la mia amica Ausilia si decise a comprare lo stesso modello.

 

Lo provammo un paio di volte prima di partire, ma era più che altro un attacca e stacca, ed un susseguirsi di: ma sei sicuro che si mette così??

E così alla fine fine il giorno della partenza iniziò il nostro amore e odio per “quella cosa lì”... Si tutti la chiamavano così: Cos'è quella cosa lì?

 

E vai a spiegarglielo a chi non camminava, la funzione di quello strano strumento.
L'unico modo era farglielo provare.
Provare per credere

Beh dopo pochi chilometri tutti erano meravigliati: ma come fa?

Già come fa??. È facile, l'uovo di colombo del cammino. Una semplicissima “mensola” sorregge lo zaino. Scaricando quasi completamente il peso dello zaino. Beh sta di fatto che io ed Ausilia abbiamo utilizzato per 1284 km, per 60 giorni mica 3 o 4 ben 60 giorni.

È stato il mio compagno fedele, la mia sicurezza.
La differenza tra il primo giro ed il secondo giro percorso con il Free-Back è stata decisamente evidente.
Meno stanco, meno fatica, meno dolore nelle spalle.. insomma son rinato.
Non solo io, ma anche la mia amica di pochi anni più grande di me era assai meno stanca.

Non sono state tutte rose e fiori. Perché alcune volte ho commesso alcuni errori. Magari portavo il Free-Back leggermente slacciato, o semplicemente non sovrapponevo in modo corretto i vestiti sotto la cintura. Ma tranquilli quando il peso dello zaino si fa sentire mi accorgevo immediatamente delle differenza di camminata. Ecco un consiglio: fermatevi e controllate sempre che sia ben riposto e ben stretto e tranquilli non avrete problemi. Comunque ancora oggi continuiamo a camminare con il nostro Free-Back.
Son passati più di 365 giorni quasi 2000km ormai le scarpe sono da cambiare ma il mio fedele Free-Back no….